Chiudi

Arancio dolce

CATEGORIA:

Famiglia: Rutaceae

Genere: Citrus

Specie: Citrus x sinensis

Descrizione

L’arancio dolce (Citrus x sinensis) è un antico ibrido appartenente alla famiglia delle Rutaceae che si propaga per talea o innesto.
Questo albero è originario del sud della Cina, in questo paese è coltivato sin dal 2500 a.C. Arriva in Europa ai tempi dei romani ma la sua coltivazione si afferma intorno al XV secolo nelle zone calde del continente. Nelle Americhe viene introdotto da marinai spagnoli durante la metà del 1500.
Attualmente è l’agrume più conosciuto e coltivato al mondo.
Questa specie non sopporta le basse temperature, sotto i 0 °C gli organi vegetali si danneggiano. Resiste bene alla siccità ma per produrre necessita di adeguati apporti idrici.
È particolarmente sensibile ai venti, questi infatti condizionano la stabilità delle giovani piante mentre su alberi adulti provocano la caduta prematura di molti frutti (cascola).
Si adatta bene a molti tipi di suolo ma preferisce terreni a medio impasto, leggermente sabbiosi e ben dotati di sostanza organica.
L’albero, che può raggiungere al massimo i 10 mt - 12 mt di altezza, ha chioma di forma globosa.
È una pianta sempreverde con foglie ovate e lucide il cui colore varia a seconda dell’età: appena emesse sono verde chiaro, maturando diventano verde scuro.
Sulla lamina fogliare sono presenti numerose ghiandole che producono oli essenziali.
I rami portano spine, lunghe e coriacee nei rami vegetanti, più piccole in quelli che portano frutta.
I fiori ermafroditi, singoli o riuniti in mazzetti, sono bianchi e si formano sul legno dell’anno.
L’arancia è una bacca, chiamata tecnicamente “esperidio”, la cui buccia arancione contiene molte ghiandole oleifere che producono essenze dal pregevole aroma.
La polpa è suddivisa in lobi (gli spicchi) e può essere arancione, gialla o rossa.
Le arance possono essere consumate fresche o utilizzate per preparare marmellate. Il succo d’arancia è particolarmente apprezzato come bevanda mentre la buccia è utilizzata in cucina per insaporire i piatti.

Varietà

Washington navel

Albero molto vigoroso a produttività incostante negli anni, è una delle varietà più coltivate per la bontà della sua frutta. Resiste molto bene alle basse temperature. L’arancia è di buone dimensioni, tonda ma leggermente schiacciata ai poli. È caratterizzata dalla presenza di un’ombelico (navel) opposto al picciolo. Il navel è determinato dallo sviluppo di un “frutto gemello” all’interno della buccia. È un’arancia a polpa “bionda”, senza semi, che si consuma principalmente fresca.

Navelina

Albero che produce costantemente una buona quantità di frutta e che resiste ai danni da vento.
L’arancia ha un colore intenso che talvolta tende al rosso, è di dimensioni inferiori rispetto a “Washington navel”. Il frutto è di forma tonda, leggermente schiacciato ai poli e presenta un ombelico (navel) dovuto allo sviluppo di un “frutto gemello” all’interno della buccia.
La polpa è “bionda” e ha un sapore dolce e poco aspro; non presenta semi.

Biondo comune

La varietà “biondo comune” viene coltivata principalmente in Italia; è un albero abbastanza rustico e molto vigoroso. L’arancia, leggermente ovale, ha dimensioni medio - grandi. La buccia è arancione chiaro e la polpa, arancio - bionda, ha un sapore leggermente acidulo ma delicato. In linea di massima il frutto non presenta semi.

Cadanera

La varietà “Cadanera” (conosciuta anche come “precoce de Valence”) è un’arancio particolarmente apprezzato, viene coltivato principalmente nel nord ovest dell’Africa e in Spagna.
L’albero è vigoroso e molto produttivo. Il frutto è tondo, di medie dimensioni e con buccia arancione. La polpa è molto succosa e piacevole da gustare.

Scheda colturale

Nome latino Citrus x sinensis
Ciclo produttivo Perenne
Semina consigliata Contenitore
Distanza tra file 450 cm / 550 cm
Durata media coltivazione gg / gg
Media di giorni per nascita gg / gg
Temperatura minima 0 °c
pH terreno 0.00 / 0.00
Coltivabile in vaso
Iscriviti alla newsletter