Chiudi
Come limitare la vegetazione del melone

Orto insieme

L'esperto risponde

- Orto

Come limitare la vegetazione del melone

Domanda

Utente: Serena Paganoni

Salve ho piantato il melone cresce tanto e ha tanti fiori ma leggevo che bisognerebbe tipo "potarlo" dalla terza foglia ma non ho capito nulla potreste spiegarmi bene e precisamente voi per favore???grazie

Risposta del nostro esperto agronomo

Socio Agricoltore Valfrutta

Salve Serena, se la tua pianta ha una vegetazione troppo rigogliosa e vuoi limitarne lo sviluppo, puoi accorciare l’apice delle ramificazioni a tua discrezione, ma cerca di effettuare il taglio poco oltre una foglia. Questa lavorazione ti aiuterà anche a limitare la comparsa di potenziali agenti patogeni, come insetti dannosi e malattie fungine.
La cimatura alla terza foglia, invece, è un’operazione da svolgere quando il melone è appena germinato. Eliminando la terza foglia prodotta dalla piantina, il melone verrà stimolato ad accrescere 2 ramificazioni principali, le quali sviluperanno molti più frutti di quanto non potrebbe fare un solo ramo.
Il melone può essere cimato in altri periodi della sua vita ma queste operazioni sono un po’ complicate. Sono lavorazioni che consentono di anticipare lo sviluppo della frutta ma devono essere effettuate solamente in condizioni particolari e da personale altamente preparato, professionisti capaci di tarare le variabili in base allo stadio fenologico del vegetale e alle reali necessità della singola pianta (e/o dell’azienda produttrice).
Sono sicuro che se hai concimato il suolo quando hai preparato il terreno, eliminato le infestanti e irrigato a dovere, le tue piante riusciranno a produrre frutta buonissima. La difficoltà maggiore sarà quella di riconoscere il periodo di raccolta migliore, se hai dei dubbi ti rimando alla domanda che ci hanno posto qualche settimana fa e all’articolo di Valfrutta che parla proprio di questo. In bocca al lupo e buona coltivazione!

Notizie dall'Orto

SCOPRI LE ULTIME NOTIZIE DAL MONDO DEGLI ORTI

Iscriviti subito alla newsletter