Chiudi

CURIOSITÀ IN CUCINA

Cavolo, che ortaggio! 5 ricette per un primo saporito

Quando fuori fa freddo e l’inverno non tarda a fare capolino, a tavola ci consola il cavolo. Straordinariamente benefico, comfort food per eccellenza, è un ortaggio che si presta con grande versatilità alla preparazione di numerose fantasie culinarie, buone, sane, nutrienti.

Nessuna idea originale per stupire la famiglia o gli amici? Ecco come dilettarvi a creare un primo piatto che farà invidia persino alla suocera più talentuosa.

Tagliolini con il pesto di cavolo nero

cavolo-8

Non solo zuppa toscana per il cavolo nero, ma anche un delizioso e interessante pesto per condire i tagliolini.

Impossibile non innamorarsene, la sua leggerezza e il gusto delicato vi conquisteranno al primo boccone. Non state più nella pelle? Allora procuratevi un mazzetto di cavolo nero (circa 100 g di foglie), uno spicchio d’aglio, 50 g di pecorino stagionato, una manciata di pinoli, un pizzico di sale e dell’olio extravergine di oliva.

  1. Per prima cosa, rimuovete accuratamente le foglie dalla costa centrale e cuocetele a vapore per qualche minuto;
  2. terminata la breve sbollentata, versate il tutto in un mortaio o in un robot da cucina assieme a tutti gli altri ingredienti, e pestate (o frullate) fino a ottenere un composto omogeneo.
  3. Valutatene poi la consistenza, se dovesse essere troppo grumosa, aggiungete dell’olio;
  4. viceversa, se notate che la salsa è troppo fluida, versate un paio di cucchiai di formaggio grattugiato.
  5. Il vostro pesto è pronto per abbracciare indissolubilmente una generosa porzione di tagliolini (magari fatti in casa).

Zuppa di cappucci, fave e piselli

cavolo

Una giornata pesante, la voglia di tornare a casa al calduccio, catapultarsi a tavola e ritrovarsi davanti un piatto colmo di zuppa di cappucci, fave e piselli. Sì, proprio una di quelle pietanze che scaldano corpo, cuore e mente. Di cos’avete bisogno per preparare questa ricetta di origine contadina? Un cavolo cappuccio, 250 g di fave, 250 g di piselli, 1 litro d’acqua, 3 patate, 1 cipolla, 1 spicchio d’aglio, 100 g di pane raffermo, 70 g di formaggio grattugiato, olio extravergine, sale, pepe q.b. Avete tutto a portata di mano? Bene, iniziamo:

  1. Afferrate dalla credenza una pentola dai bordi alti, versatevi un filo d’olio, lo spicchio d’aglio e la cipolla affettata. Lasciate appassire e, man mano, aggiungete tutte le altre verdure: le patate a tocchetti, le listarelle di cappuccio, le fave e i piselli.
  2. Mescolate bene, completate la zuppa con il litro d’acqua, fino a coprire tutti gli ingredienti, aggiustate di sale, posizionate il coperchio e lasciate cuocere a fuoco basso per una quarantina di minuti.
  3. Trascorso questo tempo, spezzettate il pane raffermo e versatelo nella zuppa, assieme al formaggio grattugiato, doneranno al piatto una consistenza corposa e un sapore decisamente più ricco.

Vellutata al cavolo viola con fagioli cannellini

cavolo

Se avete un animo culinario estroso e creativo, la vellutata al cavolo viola con fagioli cannellini non vi deluderà. Nella carrello della spesa, allora, non dimenticatevi di mettere un cavolo cappuccio viola, i fagioli cannellini (meglio se già cotti), una cipolla bianca, e dell’aglio. Sale, olio, limone e pepe dovreste già averli a casa.

  1. Dedicate tutta la vostra attenzione a preparare un corposo soffritto: versate in una casseruola un filo d’olio, la cipolla affettata e fate rosolare per un minuto. A questo punto, aggiungetevi anche il cavolo cappuccio, sale e pepe quanto basta e un paio di bicchieri d’acqua. Fate cuocere per circa un quarto d’ora a fucoo basso.
  2. Nel frattempo, passate ai cannellini. Saltateli qualche minuto in padella con dell’olio, uno spicchio d’aglio, 3-4 cucchiai d’acqua, avendo cura di regolare di sale e pepe. Cuocete fino a che il liquido non si sarà rappreso completamente.
  3. Riprendete ora il cavolo cappuccio, versatelo nel mixer assieme al brodo vegetale preparato in precedenza e frullate fino a raggiungere una consistenza omogenea. Aggiungete qualche goccia di limone e mescolate bene.
  4. Ora potete impiattare, distribuite uniformemente la crema di cappuccio sul fondo del piatto, “decorandola” al centro con due cucchiai di fagioli cannellini. Guarnite infine con una macinata di pepe nero.

Pasta con broccoli, piselli spezzati e curcuma

cavolo

Broccoli e piselli, un condimento tradizionale, reso particolare dal gusto intenso della curcuma.

  1. Rimboccatevi le maniche, e datevi da fare per far bollire per primi i piselli spezzettati, la loro cottura dura circa 40 minuti.
  2. Passate ora a sbollentare in abbondante acqua calda le cimette dei broccoli: 5 minuti saranno sufficienti, poi scolatele e tenete da parte l’acqua, vi servirà per immergervi la pasta.
  3. Prendete una padella antiaderente, irroratela con un filo d’olio, e tuffatevi la cipolla tritata fine, un cucchiaino di curcuma (attenti a non farla bruciare!), un bicchiere d’acqua di cottura dei broccoli, i broccoli e i piselli spezzettati.
  4. Unite sale e pepe e fate andare fino a che il liquido non si sarà asciugato quasi del tutto. Spegnete il fuoco, intanto i sapori delle verdure avranno modo di “legare” perfettamente lessate l’acqua per la pasta,  scolatela al dente e versatela direttamente in padella.
  5. Saltatela per qualche minuto e servite calda.

Orzo al forno con cavolfiore e pancetta

cavolo-7

Se la voglia di sperimentare vi dovesse assalire durante un pomeriggio piovoso, ecco qui un’idea originale e deliziosa per consumare il cavolfiore rimasto solo soletto in frigo.

  1. Attenzione, c’è bisogno anche del farro (o dell’orzo), perchè senza di lui, non sarebbe certo la stessa cosa. Versatene 500 g in abbondante acqua bollente e, una volta raggiunta l’ebollizione, continuate a far cuocere per 20 minuti. Scolate e lasciate da parte.
  2. Nel frattempo mondate zucca e cavolfiore, tagliateli a tocchetti e disponeteli in due pentole separate, aggiungete l’acqua fino a coprirli.
  3. Fate bollire il cavolfiore per 20 minuti e poi scolatelo accuratamente, è l’ora di farlo saltare un paio di minuti in padella con un filo d’olio, mezza cipolla tritata finemente e la pancetta a cubetti.
  4. A questo punto, versate tutto il composto in una teglia da forno, aggiungete il farro preparato in precedenza e mescolate gli ingredienti in maniera uniforme. Ricoprite la vostra opera culinaria con una spolverata di formaggio grattugiato o delle lamelle di scamorza affumicata.







Altri articoli:

Iscriviti alla newsletter