Chiudi

LEGGI E IMPARA

Come fare la manutenzione degli attrezzi dell’orto?

L’inverno è alle porte e nell’orto non c’è più nulla da fare? Vietato stare con le mani in mano, la manutenzione degli attrezzi vi aspetta puntuale come un orologio.

E’ proprio in questo periodo che potrete dedicarvi alla cura di zappa, vanga, rastrello e compagnia, un’attività tanto semplice quanto fondamentale, per mantenere in buona salute gli utensili, ma anche le piante dell’orto. Ecco alcuni consigli di cui non potrete fare a meno.

Zappa e Vanga

Pulire zappa e vanga? Semplice, basta avere a disposizione dell’acqua e della carta vetrata, due cose indispensabili per ripulire le parti metalliche, asportare la ruggine e rimuovere lo sporco più difficile.

Ma non è ancora finita, la manutenzione certosina richiede, almeno una volta all’anno, di affilare i bordi degli attrezzi con una lima da ferro, un’accortezza che vi permetterà di risparmiare molte energie durante le prossime lavorazioni del suolo.

Rastrello e forca

manutenzione attrezzi

Terminate le operazioni con zappa e vanga, dedicate pure tutte le vostre attenzioni su rastrello e forca: controllatene i denti, e se sono storti, raddrizzateli fino a riallinearli.

Anche le punte potrebbero essersi deformate, in questo caso usate un martello per farle ritornare in forma come un tempo. Ma non dimenticate: affilate le punte della forca con una lima per rendere più agevole il lavoro.

Cesoie e forbici

manutenzione attrezzi

Donne (e uomini) è arrivato l’arrotino! Ricordate quest’incessante ritornello d’altri tempi? Bene, affidatevi a quest’indispensabile e competente figura, non tanto per oliare gli ingranaggi e i sistemi di sicurezza, quanto per affilare tutti gli attrezzi taglienti (cesoie, forbici ma anche coltelli, forbici da giardino, forbicioni). Nessuno vi vieta di cimentarvi in prima persona, ma attenzione a non rovinare la lama.  

Tubo dell’acqua

manutenzione attrezzi

La manutenzione del tubo in gomma con il quale annaffiate l’orto, dovrebbe avvenire subito dopo ogni suo utilizzo. Posizionarlo nell’avvolgitubo oppure arrotolarlo dolcemente su se stesso in modo che non si deformi, sono solo le classiche operazioni per tenerlo in “buona salute”.

Dopodichè, riponete il tubo lontano dalla luce del sole, in un luogo coperto e riparato per evitare che la plastica si secchi e, di conseguenza, diventi più fragile e soggetta a rotture.

Durante i periodi freddi è importantissimo svuotare completamente il tubo dall’acqua, onde evitare che questa, gelando, lo rovini dall’interno.

Foto credits: PleuntjeChiot's Run, Paolo OttomanoKristine Paulus

Altri articoli:

Iscriviti subito alla newsletter