Chiudi

CURIOSITÀ IN CUCINA

Non il solito Natale: come servire la frutta?

I menù di Natale, dai più innovativi ai più fedeli alla tradizione, sono tutti accomunati da una portata a cui non è possibile rinunciare… No, non è il panettone, ma la frutta, il fine pasto ideale prima del tanto sospirato dessert. Perchè si sa, bisogna sempre chiudere in bellezza.

Colorata, fresca e leggera, la frutta non è una delizia solo per il palato, ma anche per gli occhi. E a Natale sono molti gli occhi puntati sulla vostra tavola: parenti e amici davanti ai quali non potreste mai sfigurare.

Vi chiedete allora come servire la frutta durante le Feste, evitando di portare a tavola un semplicissimo vassoio? Ecco quali presentazioni sfiziose e originali potreste realizzare con un pizzico di creatività e fantasia!

Come servire la frutta fresca in modo creativo

Come servire la frutta di stagione

Una preparazione semplice ma gustosa è certamente la frutta di stagione ma... come servirla per renderla speciale?

  • In bicchierini o coppette monodose. Il finger food continua a essere un trend, quindi perché non cavalcarlo? Le monoporzioni di frutta, accompagnate da piccole forchettine coordinate, sono certamente una soluzione divertente e golosa.
  • In cestini di pasta frolla. Preparate la frolla e rivestite con l’impasto degli stampini in silicone, poi cuocete in forno a 180°. Otterrete degli eleganti cestini friabili, pronti per essere riempiti di frutta (una volta freddati, s’intende).
  • In un guscio d’ananas. La più particolare e scenografica delle soluzioni, ma altrettanto semplice da preparare. Tagliate l’ananas a metà orizzontalmente, togliete la polpa con un cucchiaio e lasciate integro l’involucro. Riempite le due metà di macedonia e il gioco è fatto!

La frutta brinata, una proposta raffinata

Come servire la frutta brinata

Come servire la frutta in modo elegante e impeccabile? Un’idea alternativa e ancora più rapida è quella di servire degli spiedini di frutta mista. Per renderli più golosi, accompagnateli con una salsina di cioccolato e una spolverata di granella di nocciole. Una preparazione sfiziosa, che riuscirà nell’arduo compito di mettere d’accordo tutta la famiglia – grandi e piccini.

Ancora, potete divertirvi a dar vita a una composizione di frutta. Scegliete un piatto da portata bianco e decoratelo come più vi piace; grazie a degli stampi per biscotti, potete ricavare dalle fette di frutta le forme più varie, come cuori e stelle, o anche forme a tema natalizio, come abeti e omini di pan di zenzero. Il risultato sarà un’esplosione di colori pronta da gustare. Per un tocco di croccantezza in più, aggiungete una spolverata di mandorle tostate e sbriciolate.

Se invece questo Natale vi va di sperimentare, una proposta originale e raffinata è la frutta brinata. L’apparenza non inganna: la preparazione è davvero semplice. Tagliate la frutta, immergetela in 1 albume d’uovo montato a neve e ripassatela nello zucchero semolato. Una volta asciutta, la frutta apparirà come coperta da un sottile strato di ghiaccio: c’è qualcosa di più natalizio?

Frutta sciroppata? Bilancia la sua dolcezza con un pizzico di zenzero

Come servire la frutta sciroppata

Avete nostalgia dei sapori estivi? Niente paura, c’è un modo per portarli sulla tavola di Natale. Pesche e albicocche, infatti, possono essere gustate anche in inverno… se sciroppate. Tagliatele a pezzetti o a cubetti, eliminate lo sciroppo in eccesso e servitele in coppette monoporzione, anche molto piccole, con zenzero grattugiato per bilanciarne la dolcezza o granella di pistacchio, per i più golosi.

Per un dessert che non deluda, ma che sia semplicissimo da assemblare, scaldate le pesche sciroppate in una padella e aggiungete un trito di amaretti e nocciole. Da servire con una pallina di gelato, così da creare l’irresistibile contrasto caldo/freddo.

Avete in casa dei bei bicchieri alti e lunghi? Se la risposta è no, è arrivato il momento giusto per procurarseli. Vi aiuteranno a preparare un dessert veloce e golosissimo: basterà infatti riempire ogni bicchiere alternando uno strato di pesche o albicocche sciroppate a uno strato di crema. Infine, guarnite con una manciata di mandorle tritate. E il gioco è fatto!

Sapore d’estate anche a Natale 

Come servire la frutta a Natale: le prugne

Che dire delle prugne sciroppate? La loro inconfondibile fragranza le rende perfette da assaporare anche così come sono, servite in delle coppette e guarnite con una spolverata di zucchero a velo.

Ma, se avete voglia di sperimentare, provate ad abbinarle al gelato o a utilizzarle per ricoprire una crostataAncora, una soluzione interessante (e dolcissima) può essere quella di disporre le prugne in un piatto da dessert e cospargerle con pistacchi spezzettati, alternandole a delle piccole meringhe.

Un’esplosione di dolcezza: le pere sciroppate 

Come servire la frutta a Natale: le pere

Infine, se per voi “troppo dolce” è solo un complimento, non potete lasciar passare il Natale senza portare in tavola le pere sciroppate.

Panna montata o una colata di cioccolato fondente fuso bilanceranno la dolcezza naturale del frutto, rendendolo ancora più goloso. Come per le prugne, anche le pere possono essere utilizzate per realizzare le classiche torte “pere e cioccolato” o “ricotta e pere”.

Un’idea un po’ diversa? Utilizzate le pere sciroppate per accompagnare dei formaggi da servire a fine pasto, come il Parmigiano Reggiano.

…e la frutta secca?

Come servire la frutta secca

Che dire infine di mandorle, noci e nocciole... La frutta secca è un piacere che non può mancare. Potete servirla nei tradizionali cestini di vimini insieme a uno schiaccianoci, oppure usarla per arricchire una macedonia di frutta fresca: con il mandarino in particolare si sposa alla perfezione.

Oppure, unite la frutta secca sminuzzata ad albicocche disidratate e uvetta, aggiungete un bicchierino di rhum e mescolate. Il risultato è una macedonia da leccarsi i baffi… per una cena di soli adulti.

Ormai non avete più scuse. Il vostro menù di Natale dovrà essere non solo squisito ma anche bellissimo, dall’inizio… alla frutta!

Altri articoli:

Iscriviti alla newsletter