Chiudi

STAR BENE CON LE PIANTE

Vitamine, antiossidanti e minerali: i benefici della pera

Verde, rossa oppure gialla, la sua buccia ha molteplici sfumature, le stesse delle foglie d’autunno, che pian piano cominciano a popolare prati e giardini.

Insomma, settembre è arrivato in punta di piedi e con lui anche la bontà e le proprietà nutritive dei suoi frutti di stagione, uva, fico, castagna e… pera! I benefici della pera sono contenuti per la maggior parte nella polpa, più o meno dolce, più o meno granulosa, più o meno aromatica e inconfondibile, utile a ingentilire dolci, succhi di frutta, marmellate o addirittura l’aceto.

La polpa, uno scrigno di vitamina C e K

Pera tagliata a metà

Solo se mangiamo una pera cruda (non sbucciata, ma opportunamente risciacquata), siamo in grado di “acchiappare” il suo intero mix di qualità salutari, a partire dalla considerevole concentrazione di vitamina C, preziosa per il sistema immunitario e per mantenere in buona salute la pelle, le ossa e i vasi sanguigni. La pera è inoltre ricca di vitamina K, fondamentale nel processo di coagulazione del sangue.

Ma non dimenticata che, tra i benefici della pera, è possibile annoverare anche i sali minerali, come ad esempio il potassio, fuoriclasse a completa disposizione dell’organismo, in particolare della pressione sanguigna e del cuore.

Ma anche la buccia non è da meno!

Piatto di pere

È certamente vero che moltissime delle sostanze benefiche di cui la pera può andare fiera sono contenute nella sua polpa, ma… anche la buccia non è da meno!

Gli antiossidanti, infatti, si trovano proprio lì: i flavonoidi, tra cui l’acido clorogenico, ha il compito “tenere a bada” la pressione sanguigna. L’avevate mai sentito nominare? È presente anche nel caffè verde!

Un alimento sfizioso e nutriente

Pere e formaggio

Grazie al suo sapore rotondo e dolciastro, la pera rappresenta uno dei frutti preferiti dai bambini. Ecco perchè un buon succo o della polpa di pera rappresenta uno dei break più amati per la merenda a scuola.

Volete fare l’en plein di bontà? Accompagnate le fettine di pere con qualche fettina o cubetto di formaggio, con il parmigiano è un classico, ma potete tranquillamente osare: provate ad assaggiare il frutto accostandolo al nostranissimo e insostituibile gorgonzola, al dolce Asiago o al Roquefort, al Bleu d’Auvergne o al famigerato Camembert (la lista potrebbe continuare ancora).

Infine, non perdetevi assolutamente il sapore dell’aceto (sì, l’aceto di pere), intingolo che riesce a mantenere perfettamente tutta l’aromaticità del frutto, rendendolo adatto ad accompagnare insalate e verdure di stagione.

Altri articoli:

Iscriviti alla newsletter