Chiudi

DAL MONDO DEGLI ORTI

L’orto urbano alla Stazione Tiburtina: storia green di successo

orto Tiburtina

Prossima Fermata “Roma Tiburtina Urban Garden”... e che fermata! Da settembre dello scorso anno, infatti, la Stazione Tiburtina a Roma non è solo un luogo di passaggio, uno di quei posti dove la comunicazione avviene tramite cartelli sulle pareti e una voce neutra registrata, ma si è trasformata in un vero e proprio spazio verde, dove l’orto urbano è protagonista.

Il progetto - conosciuto principalmente con il nome “L’Orto di Tiburtina” - è nato grazie all’iniziativa di Grandi Stazioni, che ha voluto replicare anche a Roma ciò che aveva già riscosso ampio successo a Venezia Santa Lucia: l’orto urbano collettivo.

Orto di Tiburtina, un caso d'eccezione

L’Orto di Tiburtina, però, non è un orto qualsiasi, ha infatti diverse caratteristiche che lo rendono unico. La parte più interessante è costituita sicuramente dall’ “architettura green” con cui è stato progettato: diverse aiuole rialzate, realizzate con materiale ecosostenibile, costituiscono dei veri e propri “labirinti vegetali”, affiancati da altre aiuole di dimensioni più piccole. Queste ultime vengono coltivate dai visitatori stessi, previa registrazione all’indirizzo www.stazioneromatiburtina.it: in questo modo, sarà possibile ricevere una bustina di semi, che potrete seminare, con l’aiuto dagli addetti ai lavori, direttamente alla stazione.

Insomma, se siete in attesa di un treno o state aspettando un vostro caro, potrete ammirare questo profumato giardino urbano, che sfoggia ben 35 varietà di piante, tra le quali erbe aromatiche, fiori, insalate, cavoli, finocchi e tanti altri ortaggi. Non solo, anche gli animali sono i benvenuti, in particolare colonie di grilli e farfalle, che hanno reso multisensoriale la visita a quest’orto.

Nemmeno a dirlo, il progetto ha avuto immenso successo: dopo solo due mesi dalla sua creazione, ne è stata raddoppiata l’estensione, per la felicità di tutti quelli a cui la sala d’attesa sta un pochino stretta e non vedono l’ora di godersi qualche minuto tra le meraviglie della natura.

Altri articoli:

Iscriviti alla newsletter