Chiudi

Biodiversità e curiosità

Piantare avocado in casa o sul balcone: ecco cosa fare

Piantare avocado in casa o sul balcone: ecco cosa fare

Coltivare l’avocado in casa è facile e divertente, prova anche tu!

L’avocado è uno dei frutti più consumati e apprezzati al mondo, un frutto esotico che da qualche anno ha preso piede anche nel nostro Paese.
Piantare avocado è possibile anche in Italia, nello spazio ristretto di un balcone o di un terrazzo. Per farlo non dovrete far altro che assaporare un avocado, recuperare il seme e seguire i nostri consigli.

Come piantare l’avocado a casa

Come piantare l’avocado a casa

L’avocado (Persea americana) è un albero originario del Sud e Centro America apprezzato da secoli per la bontà dei suoi frutti.

Una pianta che per crescere al meglio necessita di un clima tropicale o subtropicale ma che, con le dovute accortezze, può essere coltivata anche in Italia.

A differenza di altre specie, la coltivazione dell’avocado è particolare perché prevede di far germinare il seme in acqua e solo dopo qualche tempo trasferire la pianta in vaso, vediamo come si fa.

Per iniziare procuratevi:

  • un seme di avocado maturo, ripulito dalla polpa e lavato

  • stuzzicadenti

  • un contenitore 

  • acqua

Iniziate inserendo gli stuzzicadenti attorno alla circonferenza del seme, di modo che le estremità riescano a poggiare sui bordi del contenitore e il nocciolo rimanga a mezza altezza.

Riempite il contenitore d’acqua fin tanto che la base del seme (l'estremità meno arrotondata) sia immersa quindi spostate il vaso in posizione assolata, come può essere di fronte alla finestra ben esposta.

L’avocado ci mette dalle 2 alle 6 settimane a germinare, in questo periodo non dovrete far altro che aggiungere acqua all’occorrenza e attendere che la natura faccia il suo corso.

Avocado: quali cure riservare alla pianta

Avocado: quali cure riservare alla pianta

Una volta che il seme avrà emesso vegetazione, l’avocado va seguito con certe accortezze. Come prima cosa assicuratevi che la pianta non sia troppo esposta al sole; seppur sia una pianta tropicale, infatti, le giovani foglie sono molto sensibili alla luce. Cercate di posizionare il vegetale a mezz’ombra, magari in una location che possa contare su poche ore di luce diretta al giorno.

L’avocado inizierà a crescere poco per volta e potrete notare che oltre alla vegetazione anche le radici inizieranno a svilupparsi.
Non appena il fusto principale raggiunge i 6 cm di altezza, tagliatelo; questa operazione servirà a rafforzare le radici e a promuovere lo sviluppo di nuova vegetazione sempre più forte.

Attendete ulteriormente che il fusto cresca fino ai 6 cm quindi potatelo ancora una volta, accorciandolo di circa 3 cm. Nelle settimane successive noterete che produrrà nuove foglie e radici di dimensioni sempre maggiori, tanto che nel giro di un mese potrete piantare l’avocado in terra.

Come trapiantare l’avocado

Come trapiantare l’avocado

Per mettere a dimora l’avocado utilizzate un vaso di almeno 30 cm di diametro; riempitelo con un mix di terriccio universale e argilla espansa quindi, dopo aver estratto gli stuzzicadenti, sistemate in terra la pianta, stando bene attenti a lasciare la parte superiore del seme fuori dal suolo. Annaffiate abbondantemente il terreno quindi sistemate il vaso al sole evitando esposizioni troppo luminose.

Mantenete in salute le piante di avocado annaffiando con costanza ma senza esagerare (il terreno non dovrà mai essere zuppo d’acqua) e assicurando loro sempre una temperatura superiore ai 4 °C.
Con questi piccoli trucchetti anche voi potrete coltivare avocado in casa o sul balcone e coltivarlo fino a farlo diventare un vero e proprio albero.

Avocado in cucina: un sapore esotico ai vostri piatti

Avocado in cucina: un sapore esotico ai vostri piatti

Seppur in Italia sia entrato nell’uso comune da poco tempo, l’avocado è un frutto utilizzato moltissimo nelle ricette tradizionali messicane e sudamericane.
Oltre a fare bene all’organismo, in cucina l’avocado è un ingrediente duttile e sfizioso, adatto sia a preparazioni salate che dolci.

Di certo la ricetta più famosa è la salsa guacamole, un abbinamento che dai tempi degli atzechi accompagna i piatti messicani a base di carne.

In epoca moderna l’avocado è diventato una vera e propria passione collettiva, nascono così ricette sfiziose e salutari, come i toast di avocado, le insalate di avocado ma anche tanti piatti che abbinano salmone o gamberi all’avocado: un tripudio di sapori per il palato!

Altri articoli:

Iscriviti alla newsletter