Chiudi

STAR BENE CON LE PIANTE

I benefici dei semi di lino, minuscoli superfood

Anche se la loro dimensione è assai contenuta, contengono infinite proprietà terapeutiche: sono i semi oleosi, di cui fanno parte non solo noci, nocciole, mandorle, anacardi, ma anche i semi di sesamo, zucca, girasole e lino.

Sfruttati in particolare nella cucina vegan, possono tranquillamente inserirsi in qualsiasi dieta sana ed equilibrata, magari per arricchire contorni, insalate e perchè no, anche dolci.

Quali di questi semi è meglio consumare? Tutti contengono proprietà nutritive preziose per mantenere in salute l’organismo, ma i benefici dei semi di lino, per esempio, si rivelano particolarmente utili durante i cambi di stagione.

Vediamo perchè.


Veri e propri “superfood”

Semi di lino

“Siamo ciò che mangiamo”, affermava il filosofo tedesco Feuerbach. E come dargli torto? Il segreto per condurre una vita sana e piena di energia, è racchiuso nella nostra alimentazione quotidiana, che dev’essere variegata ed equilibrata.

In questo senso, esistono dei cibi che, più di altri, contengono proprietà nutritive “superiori”, quasi medicali: sono i cosiddetti superfood, alimenti come mirtilli,  melograni, bacche di acai, peperoncino, barbabietole, cavolo nero, semi di lino, che custodiscono composizioni speciali di vitamine, minerali e antiossidanti, particolarmente utili a prevenire determinate patologie, rinforzare il sistema immunitario e depurare l’organismo.

I semi di lino, per esempio, rientrano in quest’ultimo gruppo, quello degli alimenti che disintossicano l’organismo e depurano i tessuti.


Semi di lino: gli “spazzini” delle tossine…

Lino, i semi sono un toccasana

I semi di lino sono dei veri e propri spazzini delle tossine, attivano i processi di disintossicazione dell’organismo, depurando anche i tessuti cutanei. Insomma, questi piccoli superfood sono delle vere e proprie miniere di acidi grassi essenziali, sostanze preziose per combattere le infezioni e l’invecchiamento cellulare.

Se volete sfruttare a pieno le proprietà depurative dei semi di lino, il consiglio è quello di consumarli a crudo nelle vostre ricette o, in alternativa, preparare una bella tisana, utilizzando un cucchiaino di semi in 250 ml d’acqua: portate a ebollizione, filtrate il liquido ottenuto e consumatelo solo dopo averlo filtrato.

Un ottimo metodo, questo, non solo per depurare l’organismo, ma anche per ripulire e disinfettare il colon, regolare la motilità intestinale e prevenire o contrastare fenomeni di stitichezza.

Altri articoli:

Iscriviti alla newsletter